Last Breyt
ENG

Iron Pirate Garage

Iuri Castaldi, meglio noto come Pirata Iuri, non è al comando di un pericoloso galeone, come il nome potrebbe fare pensare, ma di una officina specializzata chiamata Iron Pirate Garage.

Iuri è nato in officina. Figlio di un meccanico che ha iniziato a mettere mano ai motori appena undicenne. Quatto anni dopo, il padre di Iuri lascia Benevento insieme al fratello maggiore, per trasferirsi nella bella Toscana, e il giorno del suo diciottesimo compleanno apre la suo laboratorio. Da quel giorno trascorrono appena tre anni dalla nascita di Iuri, che come potete ben immaginare, cresce a pane e bulloni.

Pirata Iuri
Harley-Davidson Sportster jap bobber

La passione di Iuri per la customizzazione nasce proprio in quell'officina. Dopo la scuola era appuntamento fisso: pulire gli attrezzi e imparare. A volte capitava che il piccolo pirata scappava per una scorribanda, ma al ritorno erano guai...
Quando il lavoro scarseggiava il padre di Iuri rimetteva a nuovo macchine e moto, spesso con un tocco personale. Da qui nasce l'inevitabile passione per il custom. Già con le biciclette, e più tardi con la prima moto: una Motron dotata di motore Minarelli 80 cc, 6 marce, e scarico artigianale che passava in mezzo alle gambe!
Dopo un solo mese, Iuri e sua Motron si schiantano contro una Golf GTI. Ma quelle poche settimane in sella alla moto sono bastate per fargli capire quello che voleva fare nella vita. Iuri ha quindi continuato a lavorare a contatto con i motori, con l'obiettivo d'imparare il più possibile.

Honda CB 750 Four K café racer

Honda CB 750 Four K café racer

Benelli Quattro brat café racer

Benelli Quattro brat café racer

Rivenditore Renault, rivenditore Chrysler, meccanico di muletti, carrozziere, saldatore, e infine fabbro, per imparare l'arte del ferro battuto. Iuri impara a usare anche il tornio e i macchinari a controllo numerico.
Nel tempo libero si dedica ai viaggi, per farsi una cultura nell'ambiente. Gira quasi tutta l'Europa in moto facendo tappa ai vari raduni, biker show e officine. La sua sete di conoscenza nel settore lo porta fino in California, dove visita gli amici customizer, che lo accompagnano a vedere il Born Free Show. E da dove tramonta il sole arriva poi fino a dove sorge: all'Hor Rod Custom Show di Yokohama, in Giappone, altra destinazione planetaria obbligatoria per i patiti del genere. Negli anni queste esperienze forgiano un professionista completo, un eroe della customizzatione.

café racer bikers

Harley-Davidson Heritage Softail café racer
Harley-Davidson Heritage Softail café racer "Iron Hyde"

Mi hanno sempre chiamato Pirata. Un pò per il lato estetico, vedi cicatrici, tattoo, pantaloni sporchi di grasso; un pò per il mio tenore di vita: sono scappato diverse volte dalla Polizia e mi sono messo spesso nei guai a causa di quello che mi veniva in mente. Aggiungiamoci anche il fatto ho sempre avuto la saldatrice in mano... ed ecco battezzato Iron Pirate!
Mi sono fatto conoscere con mezzi più che cattivi, troncati, con marmitte alte, alleggeriti il più possibile. Possiamo chiamarle café racer. Oggi un termine decisamente abusato, basta una sella marrone di m***a e pneumatici tallonati per definirle così. In seguito mi sono avventurato in tutti i generi.

Yamaha XT 400 Rambo Killer
Yamaha XT 400 motocross "Rambo Killer"

Honda CB Four K7 café racer
Honda CB Four K7 café racer

Tra le moto d'epoca e le moderne retro-style preferisco lavorare sulle quelle d'epoca. Hanno sicuramente un fascino particolare e più personalità. Per contro, essendo così datate, devi mettere in conto il lavoro aggiuntivo che comprende una revisione totale, la ricerca dei pezzi di ricambio, e il fatto che non ci si possa sbizzarrire troppo. La moto d'epoca va rispettata, devi mantenere quell'aria retrò che con alcuni materiali, colori e forme perderebbe. Ma anche le moto moderne hanno danno il loro da fare, in particolare con le centraline.

Harley-Davidson Dyna 1450 custom
Harley-Davidson Dyna 1450 custom "Iron Gun"

Per Iron Pirate, custom e old school sono sinonimo di Harley-Davidson e Triumph. Iuri le ama profondamente, definendole “pericolosi ferracci succhia benzina dalle pessime prestazioni, ma piene di personalità e stile”. Per guidare e vivere queste moto occorre essere un certo tipo di persona. Non bastano due tatuaggi e una dash cover con teschi. Bisogna insudiciarsi le mani, conoscere come funziona un motore, saper accendere un 1340 con il kickstarter, e aver percorso tanti chilometri in posti sconosciuti.

Triumph Bonneville brat café racer
Triumph Bonneville brat café racer "Death Magnetic" V2

Triumph Bonneville brat café racer

Molte volte chi commissiona moto custom si fa un sacco di film. La sera guarda Easy Rider in TV e si immagina di sfrecciare sulle strade americane in sella a quelle moto, vestito nello stesso modo. Ma la realtà è che nessuno di loro è Peter Fonda. Nella vita di tutti i giorni sono architetti, avvocati, dottori... senza basette, che fumano sigarette elettroniche, e che con queste moto finiscono per sporcarsi le Hogan! La cosa più difficile non è creare qualcosa, ma fargli capire cosa sta bene con chi.

Triumph Speed Triple TT301 special
Triumph Speed Triple TT301 special

Una delle moto costruite da Iuri che più ci fa impazzire è la Iron Pirate Dyna. Questa è la sua moto personale. Inizialmente gli sarebbe piaciuta una Showelhead, o una Pan Head, ma si sa che questi modelli richiedono parecchia manutenzione, e come ci spiega Iron Pirate “Sinceramente non avevo voglia di continuare a lavorare anche quando avrei usato la moto per svago. Volevo un mezzo più affidabile, ma che avesse comunque stile.

Harley-Davidson Dyna 1340 drag bobber
Harley-Davidson Dyna 1340 drag bobber "Pirate Edition"

Un giorno è arrivata in officina quella Dyna FXDL del '93. Era brutta, davvero brutta. Forcella Springer lunga, cerchio anteriore da 16 pollici, sella con le molle... Iuri ha subito l'idea di trasformarla dandole l'aria da vintage-drag-bobber, conferendole un aspetto “cattivo” e retrò. Come se fosse un'Harley degli anni '60 usata da chi faceva drag racing, con montato un manubrio da chopper.

Harley-Davidson Dyna 1340 drag bobber
Harley-Davidson Dyna 1340 drag bobber

Tra le principali modiche possiamo citare: trombetta, drag pipe, manubrio e parafango posteriore artigianali; forcelle accorciate, cerchio anteriore da 21 pollici con pneumatico retrò Fuckstone e posteriore lenticolare con pneumatico drag racing per automobili; pinza freno anteriore aggiornata (4 pistoni e disco flottante) e pinza posteriore PM (4 pistoni con supporto artigianale); kickstarter aftermarket; serbatoio Super Glide modificato, verniciato di colore nero anni '70; sella sapientemente realizzata da BF Tappezzerie di Firenze; comandi realizzati su misura da Alessandro di Custom Teck; e infine l'arrogante fanalino posteriore “Fuck” che tanto ci piace, acquistato in Giappone all'Hot Rod Custom show.

Harley-Davidson Dyna 1340 drag bobber
Harley-Davidson Dyna 1340 drag bobber

In questo particolare momento Iuri è in fissa per il restomod, ovvero restaurare un'auto classica impiegando parti e tecnologie moderne. Recentemente ha comprato una Mini Austin che non valeva niente, rimettendola a nuovo seguendo istinto ed estro creativo. Il progetto è in dirittura di arrivo, “Presto la vedrete, secondo me è uno spettacolo!” esclama eccitato Iuri.
Altri due progetti restomod in cantiere sono una Ducati ST4S (motore 996) da cui ricavare una sorta di moderna 851, e una Harley-Davidson Sportster da modificare in stile XL 69.

Triumph Bonneville brat café racer
Triumph Bonneville brat café racer

Triumph Bonneville brat café racer

Ho costruito tante moto, con stili diversi. Mentirei se dicessi che anche solo uno di quei progetti non mi abbia preso. Ogni volta è un'avventura, è un percorso da affrontare insieme a un nuovo amico. Alcune moto hanno vinto dei titoli, altre sono state pubblicate su riviste specializzate, e ottenuto ottime recensioni, altre ancora hanno fatto commuovere i loro proprietari, e infine con alcune di loro abbiamo affrontato gare o viaggi da sogno, attraversato l'Europa. Le porto tutte dentro di me. Chi ha più di un figlio vuole bene a tutti allo stesso modo.

 
 

Pirata Iuri

Triumph Bonneville brat cafè racer

Triumph Bonneville brat cafè racer

Also check out

Brat Style Tokyo Brat Style Tokyo
Bike Shed London Bike Shed London
Copyright © 2014-2021 Last Breyt ™ All rights reserved
The Last Breyt writing, the Last Breyt skull, and the contents produced by Last Breyt are protected by Italian and international trademark and copyright.
La scritta Last Breyt, il teschio Last Breyt e i contenuti prodotti da Last Breyt sono protetti dalle leggi italiane ed internazionali a tutela del diritto d'autore.
Privacy Policy - Cookie Policy